Bruno Barbieri

Bologna, Set up art fair.
Il Lifeshot di Bruno Barbieri porta con se il calore delle origini di una persona straordinaria.
Bruno ha vissuto il proprio Lifeshot ripercorrendo le fasi della propria vita la cui sintesi può essere “non dimenticarti mai da dove sei partito”.

Penso non ci sia messaggio più bello.

La sua visita alla mostra in corso a Bologna è stata gratificante, una soddisfazione che mi ha dato la forza di non scoraggiarmi mai. Pochi avrebbero detto ai giornalisti “se non c’è l’artista qui con me, l’intervista non può cominciare”.

Grazie Bruno!

Graziella Gavezotti

Un Lifeshot diventa indimenticabile quando riesce a sorprenderti, a toccarti profondamente… e il Lifeshot di Graziella è stato così.

Una donna unica. Ad ogni oggetto una lezione di vita. Non poteva che finire con un tango argentino… perché il tango, si balla con il cuore!

Eugenio Borroni

Fabbrica Borroni, 21 ottobre 2014
Il backstage del LIFESHOT di Eugenio Borroni documenta il primo LIFESHOT ufficiale.
É stata un’esperienza intensa che mi ha convinto ancora di più della coerenza del progetto con l’obiettivo che mi sono posto: riflettere e far riflettere su quanto la nostra vita sia la nostra più importante opera d’arte.
Il LIFESHOT di Eugenio mi ha arricchito e conquistato, avvinto e avvolto.
La sensazione al termine è stata quella di leggere uno straordinario romanzo… quello della vita di Eugenio Borroni.

Giuseppe Guin

L’esperienza del Lifeshot in esterna anziché in uno studio è stata la caratteristica del Lifeshot di Giuseppe Guin.

Il “rudere”, come lui stesso definisce il suo “buen ritiro” sul lago, ha dato un tocco di magia all’intera esperienza.

Incontrare Giuseppe in un momento così importante della sua vita è stato un colpo di fortuna che ogni artista spera di poter avere. Una vita straordinaria per il suo trascorso, ma ancora di più per i suoi progetti futuri.

Eugenio Scotto

Mariano Comense, 2 aprile 2015
In questo breve filmato Eugenio Scotto, il “manager del futuro” (così come lo ha battezzato ) è solo una parte del documentario sulla sua vita che ne è risultato dopo oltre quattro ore di intenso e affascinante dialogo con lui.

Mai come nel caso di Eugenio, la sintesi che fa del Lifeshot è rispondente alla finalità del progetto.

 

Marco Rossi

Galleria Marcorossi Arte Contemporanea, 26 luglio 2015
Confrontarsi con un gallerista è quanto di meglio potessi desiderare nel cercare di rendere opera d’arte la vita di un professionista che vive di arte da sempre.
Il LIFESHOT di Marco Rossi è stato straordinario per la conoscenza dell’uomo, la natura di colui che, nel mio settore, è il cuore grazie al quale tutto il “sistema dell’arte” si muove e funziona.
Una piacevole sorpresa per me e, a quanto pare, anche per i suoi collaboratori.

Francesco Sole

Modena, 3 febbraio 2015

Il Lifeshot di Francesco Sole mi ha fatto capire che tutto è possibile, ogni sogno realizzabile, se c’è talento e volontà di farcela. Francesco è un talento e mi ritengo un privilegiato per averlo potuto conoscere oltre l’immagine mediatica che lo rappresenta. Sono fiducioso per il futuro se ad affermarsi sono ragazzi in gamba come lui.